Case, prezzi in risalita nel mondo

Prezzi risalita case nel mondo, vero o bufala?

E’ la Turchia, nonostante una situazione politica sempre più stretta nella deriva autoritaria del presidente Recep Tayyip Erdogan, a registrare la maggiore crescita dei prezzi delle case nei 12 mesi terminati a settembre del 2016. È quanto emerge dalla consueta ricerca di Knight Frank che ha esaminato le quotazioni del mattone residenziale in 55 Paesi del mondo. Il Global House Price Index è cresciuto del 5,3% in media grazie all’aumento dei prezzi in 44 delle Nazioni analizzate. La crescita maggiore da due anni a questa parte.

 

La Turchia, prima in classifica, registra valori in aumento del 13,9%, seguita da Nuova Zelanda e Islanda. Seguono ancora Canada e Lituania con rialzi superiori al 10 per cento. Tra l’8 e il 10% di aumenti si riscontrano in Paesi come Austria, Cile, Cina, Malta (qui il dato si basa sui prezzi richiesti dal venditore), Svezia (il dato è provvisorio), Estonia, Germania e Norvegia.

 

E non si è verificato il calo dei prezzi negli Stati Uniti, come si prevedeva per via delle elezioni presidenziali. Anzi, nell’anno che va dal terzo trimestre del 2015 a settembre 2016 i valori nella regione sono saliti del 5,5%. Solo a settembre i valori sono saliti dello 0,8%.
Resiste il settore nel Regno Unito, nonostante il referendum per uscire dall’Unione europea. Driver del segmento sono la scarsa offerta e i bassi tassi di interesse.

Il surriscaldamento del segmento immobiliare in Cina (+9,3%, spinto dalle grandi città) e a Hong Kong, dove la crescita è ripartita improvvisamente tra giugno e settembre, hanno spinto il governo a cercare di introdurre nuove misure per raffreddare il mercato.

E l’Italia? Bisogna scorrere la classifica fino al 49 esimo posto, dopo il Marocco e prima della Grecia, per trovare il nostro Paese. Qui i prezzi nei 12 mesi che vanno dall’ultimo quarter del 2015 a settembre 2016 sono calati dell’1,4%. Anche a Singapore il mercato è entrato in una fase di discesa dei prezzi, che riducono i timori dello scoppio di una bolla immobiliare.

 

Ultime in classifica Taiwan e Ucraina con cali rispettivamente dell’8,9% e del 9,9 per cento.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*