“Ottima annata” per l’immobiliare. Il mattone si conferma un investimento “sicuro”

07 Dicembre 2016 – Il mercato immobiliare si avvia a chiudere il 2016 in ripresa, dopo anni di stagnazione, favorito anche bassi prezzi delle case, dai convenienti tassi sui mutui e dalla moderata ripresa economica, che ha fatto risalire la fiducia delle famiglie e stimolato il risparmio. Mattone investimento sicuro anche oggi?

Lo confermano gli ultimi dati sul mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, secondo cui c’è stata una crescita nel terzo trimestre del 17,8%, trainata dal commerciale (+23,3%) e più in generale dal terziario (+31,1%). Bene anche il settore produttivo (magazzini e stabilimenti) con un +24,5%, mentre il residenziale mostra una crescita più composta del 17,4%, in linea con la media.

GLI AGENTI IMMOBILIARI SONO OTTIMISTI

Anche per Tecnocasa, leader in Italia nelle compravendite di immobili, “il 2016 è stata un’ottima annata” per il mercato immobiliare, grazie ad un forte incremento delle transazioni del 20,4%. Le città più attive sono state quelle del Nord (+23,7%), con Torino che vanta l’aumento più forte (+26,9%), seguita da Genova (+26,8%) e Milano (+26,7%). In fondo Palermo (+8,1%) e Roma (+11,3%).

 

CASE A PREZZI D’OCCASIONE

I prezzi delle case sono sempre più convenienti – si rileva – avendo perso il 39,7% dal 2007 ad oggi. Fra le grandi città di cali più marcati sono stati registrati a Genova (-49%) e Bari (-46,5%), mentre risultano più contenuti a Milano (-27,9%) e Firenze (-29,3%).

Allargando l’arco temporale dal 1998 ad oggi, però, si nota che i prezzi degli immobili hanno evidenziato fortissime rivalutazioni, più significative nelle grandi città: Roma segna un +65,3%, seguita da Napoli +61,3% e Milano con +56,3%. Al contrario, la rivalutazione delle abitazioni nei capoluoghi di provincia e nell’hinterland delle grandi città è stata più contenuta, rispettivamente del 5,2% e del 14,3%.

 

MATTONE INVESTIMENTO SICURO

Il trend dei prezzi in un arco temporale lungo, l’incertezza che caratterizza altre forme di risparmio (ora anche i semplici depositi) ed i rendimenti minimi degli investimenti considerati “sicuri” (titoli di Stato) hanno convinto famiglie e risparmiatori che il mattone resta l’investimento più sicuro e redditizio nel tempo.

“Questi dati – commenta Fabiana Megliola, responsabile ufficio studi Tecnocasa – sembrano confortare la previsione che, per tutto il 2016, le transazioni chiuderanno intorno a 500 mila. I prezzi invece continuano nel loro trend al ribasso, anche se meno rispetto al passato. Per la fine dell’anno prevediamo un ribasso dei prezzi compreso tra -2% e 0%”.

This article has 1 comments

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*