Comprare casa all’estero … Ecco dove puntare per guadagnare di più

Vuoi comprare casa all’estero?

6,4 miliardi di capitali scappati oltre frontiera. Per un totale di 45.700 compravendite. Gli italiani tornano a investire nell’immobiliare.

Ma lo fanno fuori dai confini nazionali. Dove conviene acquistare per guadagnare di più? In quali città si possono ottenere i rendimenti maggiori? Ecco i 4 mercati di punta. Intanto, gli stranieri pareggiano il conto. E per il 2015 sono previsti 6 miliardi di euro in entrata dagli investitori esteri

Nel 2014 sono state concluse 45.700 compravendite di immobili oltre frontiera. Orientate, nel 77% dei casi, a ragioni di investimento. Per un giro d’affari complessivo che, nel solo 2014, ammonta a 6,4 miliardi di euro. L’8% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Ed è un dato che continuerà a crescere. La previsione, diffusa da Scenari Immobiliari in un report pubblicato a fine 2014, parla chiaro: gli italiani tornano a investire nel mattone. Ma lo fanno fuori dai confini nazionali. Il 2015, infatti dovrebbe chiudersi con un ulteriore aumento del 5% delle compravendite oltre frontiera. Per un totale che, tra un anno, dovrebbe portare al raggiungimento della soglia record di 48.000 transazioni.

E mentre gli investitori italiani scappano all’estero, quelli stranieri approdano in Italia. Nei primi 3 mesi dell’anno, infatti, si sono registrati acquisti per un totale di oltre 2 miliardi di euro. Che dovrebbero raggiungere la cifra di 6 miliardi entro fine anno, con un incremento rispetto al 2014 di circa il 20%. Pareggiando il conto con i capitali i fuga oltre confine.

Si tratta di una tendenza che non ha precedenti. Ancor più significativa se rapportata sul lungo periodo. Rispetto al 2007, anno del boom edilizio in Italia, quando ancora la crisi economica non era nemmeno ipotizzabile, infatti, si è registrato un incremento di oltre il 75% (in quell’anno sono state portate a termine solo 26.100 transazioni d’acquisto). Mentre, dal 1998 a oggi, la percentuale di crescita arriva quasi a sfiorare la soglia del 200% in più rispetto alle 15.500 compravendite di quell’anno.

Ma dove conviene investire? Su quale paese è meglio puntare per massimizzare i guadagni e minimizzare le dispersioni (in tasse)? Quali fattori è bene tenere presenti prima di cercare casa all’estero?

Of-Osservatorio finanziario, sulla base dell’analisi di Scenari Immobiliari, ha fatto il punto della situazione. Ecco come si suddivide attualmente il mercato. Dove gli italiani acquistano di più e perché. E dove, nel corso dei prossimi mesi, si potranno ottenere i profitti più alti.

Spagna

Il grosso degli investimenti degli italiani all’estero, svela Scenari Immobiliari, (il 23% circa del totale) si rivolge verso la Spagna. Con un incremento, negli ultimi 12 mesi, del 18% rispetto al 2013. Il fatto è che la crisi economica che ha piegato tutta Europa, qui ha inflitto i danni maggiori, soprattutto a partire dal 2009 quando, la bolla speculativa scoppiò portando a un inevitabile tracollo dei prezzi delle case. In soli 6 anni, infatti, il costo medio degli appartamenti si è ridotto drasticamente di circa il 45% (contro una riduzione media del 20-25% in Italia).

E i danni sull’economia dell’intero paese sono stati devastanti. Come diretta conseguenza, infatti, sono falliti i grandi costruttori. Le agenzie immobiliari, anche le più importanti, hanno chiuso i battenti. E si stima che circa 600.000 immobili siano rimasti invenduti.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*